Il Garante nazionale delle persone private della libertà ha presentato venerdì 26 giugno la Relazione al Parlamento per il 2020, in concomitanza con la Giornata internazionale per la lotta contro la tortura. Mauro Palma, Presidente del Collegio del Garante, ha dichiarato nel corso del suo intervento, che “il ricorso alla tortura non è una pratica da relegare a contesti a noi distanti. Nessuno Stato può ritenersi immune da episodi che possano essere così qualificati. Abbiamo imparato – purtroppo proprio attraverso l’esperienza vissuta nel nostro Paese diciannove anni fa – come la tortura possa presentarsi anche laddove non vi sia una situazione tecnicamente definibile come conflitto,Leggi altro →

Il 23 giugno si è svolto il webinar Cgil ‘SALUTE MENTALE DI COMUNITÀ’ (programma). Guarda il VIDEO del webinar 16 giugno 2020 con gli interventi di: Stefano Cecconi (relazione), Fabrizio Starace, Giovanna Del Giudice, don Virginio Colmegna, Gisella Trincas, Andrea Filippi e le conclusioni di Rossana Dettori.   Leggi anche: —>  Conferenza Salute Mentale Assemblea nazionale 30 maggio 2020 —> La formazione universitaria del personale sanitario per la salute mentale. di Fabrizio Starace —> Ricominciamo dalla salute mentale: lo speciale di “Collettiva”, la nuova piattaforma Cgil, dedicato alla Conferenza Salute Mentale –> Periferie dei diritti e Covid 19. di Giovanna Del Giudice —> Coronavirus: vi siete dimenticati dei più vulnerabili e delle loro famiglie.Leggi altro →

“Articolata su tre piani per complessivi duemila metri quadri, è pensata per garantire una riabilitazione, sia di tipo intensivo sia estensivo, a pazienti psichiatrici che, per alcuni mesi, hanno necessità di isolarsi dal contesto di vita abituale”. La Asl Na2 Nord presenta così la Residenza di riabilitazione psichiatrica per quaranta persone inaugurata il 23 giugno ad Arzano (provincia di Napoli), in pompa magna, dal presidente della Regione Vincenzo De Luca e dal direttore generale dell’Asl Antonio D’Amore. Il punto di forza di questa esperienza, secondo l’Asl, sarebbe un laboratorio sartoriale realizzato in collaborazione con un’azienda del ramo, per giungere alla produzione di una linea di cravatte, prodotte dai pazienti, ma con il marchio dell’azienda stessaLeggi altro →

1. Dopo l’esplosione della pandemia da Covid-19, i governi sono chiamati a riformulare le politiche di salute mentale. La stessa salute mentale va ripensata come asset fondamentale degli esseri umani. In che modo essa è oggi connessa ai determinanti sociali di salute? In che modo è in relazione col destino e con le esistenze delle persone e delle comunità? In che misura è garantita da servizi? Quale è il ruolo dei servizi stessi nel garantire un maggiore e reale accesso alle cure, ma anche ad una visione collettiva della salute mentale? Dopo i tanti appelli, finalmente alcuni paesi iniziano a porsi il problema della salute mentale nelLeggi altro →

La pandemia ci dovrebbe indurre a ripensare in modo sostanziale il nostro modo di vivere, le priorità da assegnare al bene salute e il ruolo del sistema di welfare. Ho usato espressamente il termine ripensare perché credo che non possiamo auspicare il semplice ritorno alla normalità: perché “la normalità era il problema” intervista a Nerina Dirindin a cura di Fabio Ragaini.  Lo scorso 20 aprile scrivevi “Mi viene da piangere perché ho paura che non ci si impegni abbastanza a prendere appunti, per quando l’emergenza sarà allentata e tutto potrebbe tornare come prima”. A distanza di un mese, con l’emergenza che si sta allentando, sonoLeggi altro →

Report dell’ ASSEMBLEA ROMPIAMO IL SILENZIO PUGLIA Movimento per la tutela della salute mentale pugliese – 12 giugno 2020 Care amiche e cari amici, come previsto mercoledì 10 giugno 2020 si è svolta l’Assemblea online che avevamo emblematicamente intitolato “Proviamo a Ricominciare”. Ci siamo riagganciati alla videoassemblea del 30 maggio della Conferenza che anche aveva un titolo simbolico “Ricominciamo”. –> Oltre a molti rappresentanti del territorio pugliese erano presenti l’amica Giovanna Del Giudice, del coordinamento nazionale della Conferenza, e gli amici Peppe Dell’Acqua, del Forum Salute Mentale, Roberto Mezzina, della Word Federation for Mental Health, Alfredo Garofalo, esperto per esperienza da Campobasso. –> Dopo ampiaLeggi altro →

Una delle lezioni più dure che la pandemia ci ha impartito riguarda la vulnerabilità dei sistemi di protezione sanitari e sociali incentrati su ospedali e residenze. Lo tsunami coronavirus ha messo in discussione una narrazione che considerava la presenza di un ospedale nel proprio territorio come la fortezza Bastiani nel capolavoro di Buzzati, indipendentemente dal bacino geografico, dalla presenza nella stessa azienda sanitaria di presìdi con funzioni analoghe o complementari, da una pianificazione razionale delle specialità per popolazione residente e volumi di attività. Il diffondersi della pandemia a partire da contesti sanitari ed il conseguente crollo dei ricoveri ospedalieri e degli stessi accessi in PSLeggi altro →

TUTTI I MATERIALI dell’Assemblea 30 maggio 2020 RICOMINCIAMO! Salute mentale e servizi di comunità: problemi, pratiche, proposte Pubblichiamo i materiali dell’assemblea e invitiamo ancora una volta tutti coloro che non sono riusciti ad intervenire (o comunque che lo desiderano) a inviarci un testo scritto (2.000 battute spazi inclusi) o un breve video intervento (preferibilmente durata non oltre i 3’) all’indirizzo: info@conferenzasalutementale.it  l’Appello di convocazione dell’Assemblea I comunicati stampa: –> Assemblea nazionale Conferenza salute mentale 30 maggio 2020 (1): per il rilancio del Paese è centrale la salute mentale, destinare risorse per i servizi territoriali di prossimità. Strutture residenziali un modello fallimentare da riconvertire …LEGGI –>Leggi altro →

Una conversazione su un tema delicato, che con l’emergenza Covid ha acuito le sofferenze e le fragilità di tante persone. Dialogo fra Stefano Cecconi e Fabrizio Starace Cecconi L’emergenza determinata dall’epidemia Covid-19, continua ad avere pesanti effetti sulla vita di tutti i cittadini, ancor più gravi per le persone con sofferenza mentale, per i più anziani, per le persone con disabilità e con malattie croniche. E sta causando danni economici e sociali. I segnali che ci sono arrivati è che il sistema dei servizi per la salute mentale abbia reagito in modo assai diversificato: in alcune realtà c’è stata una sorta di ritirata di fronte alle difficoltà,Leggi altro →

Un motivo ricorrente in questo periodo di pandemia è stato: niente sarà più come prima. Si aspettano cambiamenti soprattutto nel nostro modo di pensare lo Stato e la politica. Dovrà essere ridisegnata soprattutto il modello di salute pubblica. Insieme al modello dell’istruzione, con la drastica riduzione della burocrazia nella funzione pubblica. E poi, ma prima di tutto, si dovrà mettere mano alla questione delle disuguaglianze sociale che ormai, anche sulla spinta della pandemia, sono arrivate a livelli di allarme rosso. Ma sarà vero? Succederà tutto questo? Il sistema politico sarà in grado di cogliere questa grande opportunità, più unica che rara, di modificare il modoLeggi altro →