Categoria: INTERVENTI – INTERVISTE

I muri del manicomio sono duri da abbattere. Dall’approvazione della legge 180, nel 1978, che sanciva l’abolizione dell’internamento in ospedale psichiatrico, ci vollero vent’anni, e un decreto dell’allora Ministra Rosy Bindi con sanzioni alle regioni inadempienti, per chiudere effettivamente i manicomi in tutta Italia. Con gli OPG la storia si è ripetuta. E anche se il tempo per chiuderli è stato più breve (l’ultimo, quello di Barcellona Pozzo di Gotto, è stato chiuso nel 2017, a 5 anni dal termine previsto dalla legge) c’è voluto un Commissario nominato dal Governo per costringere ben sei regioni ad accogliere i loro pazienti ancora internati in OPG. ELeggi altro →

Il letto in ospedale e il letto fuori dall’ospedale rappresentano l’unica risposta del sistema sanitario La Pandemia del Covid ha mostrato a tutti i cittadini come i letti nei reparti di terapia intensiva e rianimazione siano stati e continueranno ad essere un presidio fondamentale per la cura di quei pazienti gravi bisognosi di interventi intensi e intensivi. La ecatombe degli anziani nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) ha mostrato come persone in età avanzata e spesso non autosufficienti «abitano» fondamentalmente in un letto. La questione che dobbiamo porci e con urgenza è quella del «letto» come unica e povera risposta del sistema sanitario, come se, primaLeggi altro →

Sono passati quarant’anni da quel 29 agosto 1980 in cui Franco Basaglia se n’è andato quasi all’improvviso, ma la lontananza sembra, se possibile, ancora maggiore. Si è spenta infatti anche l’eco delle discussioni non di rado feroci e delle lotte che hanno animato i primi vent’anni della riforma psichiatrica, la «legge 180» del 1978. Basaglia ha avuto il tempo di partecipare alle prime fasi: gli ultimi testi degli Scritti mostrano il suo sguardo lungo sulla portata e il futuro della «180» e della riforma sanitaria; le Conferenze brasiliane (1979) ne raccontano il nascere; interviste e articoli sui quotidiani testimoniano l’instancabile disponibilità di Basaglia al dibattitoLeggi altro →

Un anno fa, il 13 agosto 2019, nel Servizio psichiatrico dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, moriva Elena Casetto, 19 anni, trovata carbonizzata nel suo letto legata mani e piedi, a seguito di un incendio scoppiato nel reparto, forse dalla sua stanza. Qualche minuto prima, Elena era stata scoperta dagli infermieri mentre tentava il suicidio. Fu allora “bloccata”( legata) al letto e lasciata sola nella stanza chiusa a chiave. Al suo dolore, alla sua richiesta di aiuto, l’istituzione rispose con un gesto violento, di negazione e di abbandono, togliendole dignità e rispetto. Quale sarà stata la sua rabbia, il senso di impotenza e di annientamento?Leggi altro →

Collana 180, insieme alla casa editrice Edizioni Alphabeta Verlag, ricorda Sergio Zavoli, scomparso pochi giorni fa, lasciando “un senso di smarrimento in chi l’ha conosciuto“. Sergio Zavoli è stato scrittore, giornalista e autore di grandi inchieste televisive, una su tutte il reportage sul manicomio “aperto” di Gorizia realizzato nel 1968 per “I giardini di Abele”. La passione per una delle grandi questioni agitate del secondo Novecento italiano, quello del trattamento del folle e dell’umanizzazione del suo mondo e del suo orizzonte di vita, non fu fugace e isolata. Lo dimostra anche il sostegno al progetto di Collana 180, che lo ha visto firmare la prefazione delLeggi altro →

Promosso dalla Legacoopsociali e dalla Campagna Nazionale …e tu slegalo subito, con il sostegno della Conferenza Nazionale per la Salute Mentale, è in programma per la mattinata del 28 luglio (ore 10-12.30) il seminario in rete (webinar) denominato La contenzione meccanica: percorsi e strumenti per il suo superamento. Imponendoci un’ininterrotta fatica di Sisifo, il retaggio del passato ricompare ad ogni piè sospinto, ad avvertirci delle nostre disattenzioni e delle debolezze che permangono, a dispetto del grande sforzo per cambiare le istituzioni e promuovere un welfare pubblico universalistico. Pensavamo di esserci liberati dell’istituzione totale con la chiusura di manicomi e brefotrofi e, più recentemente, degli OPG [Ospedali Psichiatrici Giudiziari, N.d.R.]? Ed invece no, ecco l’eternaLeggi altro →

Il Budget di Salute: uno strumento per migliorare la comunità Luca Negrogno intervista Antonio Esposito Antonio Esposito è un giornalista e ricercatore indipendente nel campo delle politiche sociali e della filosofia del diritto. Ha collaborato attivamente con il processo di cambiamento delle politiche di salute mentale avvenuto in Campania negli ultimi 20 anni attraverso la riconversione di moltissimi percorsi assistenziali residenziali in investimenti di economia sociale. Tra le sue opere “Le scarpe dei matti”, pubblicato nel  2019 dall’Editore “Ad est dell’equatore”. Collabora attivamente con il Forum Salute Mentale e la Conferenza Nazionale Salute Mentale. fonte: UNA CERTA IDEA DI …Leggi altro →

Stefano Cecconi presenta il webinar sulla salute mentale dopo gli OPG per la rubrica di Fuoriluogo su il manifesto. L’emergenza da coronavirus ha prodotto pesanti conseguenze sulla vita di tutti i cittadini e  la crisi economica e occupazionale che si profila alimenterà i danni sociali. Effetti  certamente più gravi per le persone con sofferenza mentale, per i più anziani, per le persone con disabilità e con malattie croniche, per i detenuti e per tutte le persone “rinchiuse in istituti”.  Effetti resi ancor più duri dai tagli alla sanità e alle politiche sociali di questi anni. In questa emergenza abbiamo assistito al fallimento del modello di cura custodialista,Leggi altro →

Introduzione Nei giorni scorsi è stata pubblicata la Relazione al Parlamento 2020 del Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà (Relazione)[2].  Si tratta di un documento da leggere con attenzione perché è molto interessante, assai ricco di non solo di dati ma di grande cultura e riflessioni profonde che scaturiscono anche da apporti multidisciplinari. In questa fase, dove gli specialismi hanno mostrato i loro limiti è essenziale provare a vedere l’insieme, attraverso ambiti di dibattito, spazi d’incontro e confronto tra punti di vista e istanze differenti, diritti talora confliggenti, posizioni chiaramente contraddittorie per giungere a riformulare un patto sociale, reale e vissuto, unLeggi altro →