Categoria: INTERVENTI – INTERVISTE

Intervista a Fabrizio Starace: … cosa c’è da fare in termini di politiche di salute mentale a livello nazionale. Era il febbraio del 2020, un’epoca pre-pandemia da Covid-19, eppure ad essere presi in esame sono una serie di aspetti critici per il sistema di cura della salute mentale che si sono evidenziati poi nel periodo dell’emergenza. LA VIDEO INTERVISTA Centrale è il nuovo sistema di garanzia dei LEA che sostituirà la griglia LEA con un numero più ampio di indicatori (circa 88) che è uno strumento potentissimo per orientare le pratiche perché prova a ampliare la prospettiva. “Il problema per quanto concerne la salute mentale èLeggi altro →

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il contributo inviato a “Cronache di resistenza” dall’équipe del Centro diurno Marco Polo di Terni (CSM Usl Umbria 2 – Soc. Cooperativa Helios Onlus) Dopo un lento ma inesorabile calo di presenze di persone, dettato dalla paura del contagio, il Centro Diurno Marco Polo il 19 marzo chiude per le direttive emanate. Lo spazio dove da anni combattiamo insieme, contro fantasmi e paure più o meno immaginarie, una battaglia quotidiana con l’aiuto di arti, attività manuali ed ergoterapiche, relazioni, dove ognuno ha dei percorsi, tra lettura, arteterapia, cinema, artigianato, orticultura, contatto con la natura e con il mondo, dove ognuno può esprimereLeggi altro →

Come ne usciremo ? Niente sarà più come prima ! Domanda e risposta l’una più disarmante dell’altra, condite dal buonismo dell’Andrà tutto bene ! che si ritrova ad ogni angolo di strada, manco fosse la ricetta per la cura. Stamane ho visto un lenzuolo della serie, ma almeno con un tocco originale. Insieme alla frase, suggerita come uno sciroppo sdolcinato a tutte le bambine e bambini, ho letto: Vogliamo tornare a scuola e Vai via, brutto virus. Infantile, l’ultimo, ma tutti e due più sinceri e soprattutto (il primo) “politico”. A maggior ragione in un paese dove si riapre tutto, templi e tempietti dell’edonismo scervellato,Leggi altro →

Non riesco più a contenere il dolore e la paura. Notizie di morte entrano in casa da mattina a sera. Come da tempo mi capita in circostanze singolari come questa sono andato a parlarne da Marco Cavallo. “Beh, di queste storie, come sai, ne ho viste. Ma così mai, e non riesco a trattenere un nitrito di rabbia quando sento delle tante morti. I vecchi, più di tutti, sono morti e muoiono a migliaia negli istituti, nelle case di riposo nella nostra regione, in tutto il paese, in Europa. E tanto drammaticamente in Lombardia. Pensa che, quando io muovevo i primi passi nel manicomio diLeggi altro →

Se non avessimo avuto la pandemia da Covid-19 e il relativo lockdown avremmo certamente fatto il punto sullo stato di attuazione della legge 81/2014. Infatti, sono trascorsi 5 anni dal 31 marzo 2015 quando sono stati chiusi gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG), sostituiti da un sistema di welfare di comunità, dai servizi sociali e sanitari dei quali fanno parte i Dipartimenti di Salute Mentale, al cui interno operano le Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza (REMS). Il processo di riforma è stato affrontato superando sul campo difficoltà e incertezze mediante l’invenzione di un modello di lavoro originale, molto complesso certamente non lineare e definitivo.Leggi altro →

Il progetto della Regione Friuli Venezia Giulia di allestire la «nave di vecchi» nello specchio del golfo di Trieste, tra il Porto vecchio e la Stazione Marittima, dove deportare più di 160 vecchi positivi al Covid 19 da case di riposo della città, ci sembra superare ogni limite etico e politico e travalicare «la soglia che separa l’umanità dalla barbarie». Nonostante le perplessità e contrarietà espresse da molti, politici, sindacalisti, cittadini, la Giunta regionale, con la tracotanza che meglio sa esprimere nei confronti delle persone più fragili, rifugiati, homeless, anziani istituzionalizzati, ecc. ha continuato nel suo intento. Poche le dichiarazioni ufficiali. Quelle riportate dal quotidianoLeggi altro →

L’epidemia Covid19 avrebbe dovuto riproporre, per i suoi disastrosi effetti su queste strutture, una riflessione sulla realtà delle RSA in Italia ma questa è mancata, salvo un articolo di M. Grazia Giannichedda sul Manifesto del 9 aprile scorso in cui si andava alla sostanza del problema delle RSA, mentre negli articoli su tutti i giornali, quotidianamente, ci si è limitati a riferire, e qualche volta a commentare, le cifra spaventose dell’infezione che ha colpito queste strutture – cito per tutti un titolo de “La Repubblica” del 19 aprile u.s. : “Numeri shock. Nelle residenze per anziani 7000 contagiati (in Lombardia)”. Nessuno che si sia interrogatoLeggi altro →

L’iniziativa del numero verde di supporto psicologico attivato dal Ministero della Salute, impone alcune riflessioni che ne richiedono a nostro avviso una revisione sostanziale. Leggiamo (salute.gov.it) che il numero offre una consultazione di primo livello che “punta ad affiancare tutti i servizi di assistenza garantiti dal SSN” da parte di “professionisti specializzati, psicologi, psicoterapeuti e psicoanalisti” attraverso un ascolto telefonico per dare una risposta immediata al disagio derivante dal Covid-19. Per questa attività, che si risolve in un unico colloquio, saranno impegnati più di 500 psicologi facenti capo alla Protezione Civile. Per un ascolto più approfondito e prolungato nel tempo, le telefonate saranno indirizzate “versoLeggi altro →

La mortalità per Covid-19 nelle strutture residenziali per anziani all’estero A livello internazionale esistono tre approcci principali per misurare i decessi in relazione a COVID-19: decessi di persone che risultano positivi (prima o dopo la morte); decessi di persone sospettate di avere COVID-19 (basato sui sintomi); decessi in eccesso (confrontando il numero totale di decessi con quelli delle stesse settimane degli anni precedenti). In presenza di disponibilità di dati assai diverse e di diversi approcci nazionali per la registrazione dei decessi, i confronti internazionali sono difficili ciononostante i dati raccolti da Comas-Herrera et al. (2020) che riassumono i dati più recenti provenienti da diverse fonti ufficiali sono molto indicativi (tabella 1). Il numero deiLeggi altro →

Assafa, “Voci dal silenzio”. Un gruppo di attivisti per far ascoltare le voci dei migranti Assafa, spesso accompagnato dall’invocazione alla Madonna, a Dio o a Gesù Cristo, è una tipica allocuzione partenopea che vale come ringraziamento per un accadimento che porta una buona nuova. Oggi, alcuni attivisti “cittadini del mondo” (donne e uomini che vengono dalla Nigeria, dal Senegal, dalla Tanzania, dal Sudan, dalla Georgia, dal Bangladesh, dall’Italia, i loro nomi sono Nyong Inyang, Bounama Kone, Lima Al Ruman, Happy John, Ibrahim Tigany, Yasmine Accaro, Maka Khachoshvili, Fulvio Battista, Bobby Hutton), lo hanno scelto come acronimo (Antisystem Solidarity Anti Fascism Actions), per la nascita diLeggi altro →