Categoria: ARTICOLI IN EVIDENZA

Franco Rotelli , tra i protagonisti della riforma psichiatrica in Italia e ispiratore di pratiche e politiche di libertà con ricadute in tutto il mondo, ha scritto numerosi saggi e testi durante gli ultimi 40 anni, rimasti di grande attualità e che ora sono stati pubblicati in un unico volume. Raccontano che la questione della salute mentale non è solo di abbattere i muri e aprire le porte, ma di ricostruire la salute nel territorio, di inventarsi dei laboratori della città sociale. Franco Rotelli in dialogo con Agnese Baini Curatrice del libro Ingrid Breckner Sociologa urbana – Hafen City Universität Hamburg, Massimo Bricocoli Direttore DipartimentoLeggi altro →

La scelta del nuovo direttore del centro di salute mentale di Trieste e l’eredità della legge 180. Parla Alberta, la figlia del grande psichiatra. “Stanno uccidendo l’eredità di mio padre. Quando saranno distrutti gli ultimi baluardi che dimostrano l’efficacia della riforma Basaglia, sarà più facile rinnegare la sua rivoluzione culturale”. Alberta Basaglia è abituata a soppesare le parole. Nel bellissimo libro Le nuvole di Picasso ha raccontato la storia della sua famiglia e della sua diversità di ipovedente nella casa aperta ai matti. Dal padre Franco Basaglia e dalla madre Franca Ongaro ha ereditato la vocazione all’ascolto delle voci negate: per anni è stata bambinologa,Leggi altro →

Il coordinamento nazionale Salute Mentale convoca un’assemblea il 10 giugno alle ore 16,30 in preparazione della 2° Conferenza Nazionale promossa dal Ministero della Salute “PER UNA SALUTE MENTALE DI COMUNITÀ” in programma il 25 – 26 giugno 2021 a Roma (evento in streaming). Nell’assemblea del 10 giugno, oltre a condividere informazioni sulla Conferenza ministeriale, saranno presentate alcune proposte da portare alla Conferenza, anche come esito dei seminari preparatori promossi dal Coordinamento: —> “ABITARE SI PUÒ!” quando il CSM è impegnato ad affermare il diritto alla vita indipendente – seminario 23.1.2021 —> “SERVIZI PER UNA SALUTE MENTALE DI COMUNITÀ”, IL CENTRO DI SALUTE Mentale come servizioLeggi altro →

                                                            E’ più che mai urgente difendere e garantire la continuità dei servizi di salute mentale di comunità nella regione Friuli Venezia Giulia, oggi fortemente sotto attacco. Per continuare a dire no alla coercizione e alla contenzione, per il rispetto dei diritti umani delle persone che vivono la condizione della sofferenza mentale e per una loro reale ripresa, per il benessere delle famiglie e della comunità, per garantire concorsi giusti e trasparenti per chi deve operare neiLeggi altro →

Questa lettera, inviata al Piccolo all’indomani del concorso per la nomina del Dirigente della struttura complessa Centro Salute Mentale di Barcola, che ha avuto un esito tanto inaspettato quanto inaccettabile, ha avviato un ampio movimento di partecipazione anche e soprattutto a difesa del sistema di salute mentale FVG, sotto l’incomprensibile attacco dell’attuale Giunta regionale. Col Covid la situazione già drammatica di carenza di risorse e di servizi per la salute mentale è andata ulteriormente peggiorando in tutta Italia. Centri di salute mentale inaccessibili, contrazione e perfino sospensione dell’attività domiciliare, riduzione di attività del volontariato e delle cooperative sociali. Di contro, era proprio grazie ad un accessoLeggi altro →

Il cambiamento tradito Luigi Manconi torna sulla questione del deterioramento delle pratiche di salute mentale con un suo articolo su La Stampa di qualche giorno fa (17 maggio). La lista delle cattive pratiche riscontrabili in molti servizi di salute mentale riesce davvero impressionante. E dolorosa per chi, come tanti di noi, non hanno mai smesso di pensare le persone, i cittadini con l’esperienza del disturbo mentale, al centro delle cure “umane e gentili” che il cambiamento legislativo di quasi mezzo secolo fa voleva garantire. Negata l’istituzione, com’è accaduto in tutto il nostro paese, e meglio, nella concretezza delle pratiche territoriali, in tante realtà locali, bisognavaLeggi altro →

Dibattito pubblico il 28 maggio dalle ore 16 sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è l’iniziativa della “Rete Salute, Welfare, Territorio”, accompagnata dal documento “PNRR: passi in avanti ma non basta. Serve più energia per  Salute e Diritti Sociali” Intervengono tra le/gli altr: Pietro Barbieri, Rosy Bindi, Giovanni Bissoni, Andrea Canini, don Virginio Colmegna, Alessio D’Amato, Giovanna Del Giudice, Rossana Dettori, Nerina Dirindin, Ignazio Ganga, Marco Geddes, Stefano Lorusso, Flavio Lotti, Gavino Maciocco, Angelo Marano*, Rosario Mete, Margherita Miotto, Emmanuele Pavolini, Domenico Proietti, Franco Rotelli, Elena Rubatto, Benedetto Saraceno, Gianni Tognoni …                                 Leggi altro →

Sesto appuntamento del percorso Leggere per trasformare, progetto finanziato dal Servizio politiche per il terzo settore della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in partnership con l’Azienda Sanitaria Giuliano Isontina e l’Università degli Studi di Trieste. Giovedì 13 maggio alle 18, a 43 anni dalla promulgazione della Legge 180, Nico Pitrelli conversa con Michele Zanetti, Franco Rotelli, Alessia de Stefano e Gabriella Gabrielli a partire dal libro Franco Basaglia di Mario Colucci e Pierangelo Di Vittorio, del quale Sara Alzetta leggerà alcuni estratti. Presenti gli autori. L’incontro si terrà via Zoom e verrà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook di ConfBasaglia  Leggi altro →

Difficile credere che l’ordinanza ministeriale dello scorso 8 maggio sulle “visite in sicurezza” negli istituti assistenziali avrebbe dissuaso Giuseppe C. dal “tentativo di evasione”, così hanno scritto i giornali locali, dalla Rsa in cui viveva. Il signor Giuseppe aveva 91 anni, nessuna malattia contagiosa né invalidante, era molto provato dalla morte recente della moglie ma in contatto quotidiano con sua figlia, ed era “lucidissimo”, dicono gli operatori della struttura, e “molto gentile”, al punto che continuava a scusarsi quando era stato soccorso, sotto la finestra da cui si era calato durante il cambio di turno degli infermieri, utilizzando un tubo di gomma che aveva piazzatoLeggi altro →