In questa settimana, una marea montante di luoghi comuni, pregiudizi, approssimazioni e superficialità sono state dette e scritte intorno ai terribili e dolorosi fatti di Trieste. Il mio interesse a parlarne non ha alcuna intenzione polemica né con i giornalisti, né con gli opinionisti che si sono avvicendati. Sono le domande che mi rivolgono i familiari e i tanti giovani che nella nostra città faticosamente riescono a rimontare, a farcela e ritrovare possibilità di futuro, malgrado l’esperienza del disturbo mentale e l’attraversamento di diagnosi – come schizofrenia, che qui estendo a malattia mentale – che spesso suonano come inappellabili condanne. Nei giorni scorsi, e di recente ancheLeggi altro →

Dopo la sentenza del 25 settembre 2019 della Corte Costituzionale si è aperto un significativo dibattito sul “suicidio assistito”. Due piani, quello legale e quello clinico che dovrebbero trovare un punto di incontro e sintesi. Questo può avvenire solo a partire dalle pratiche, dalla centralità della relazione di cura e non all’esterno di essa secondo quanto previsto dalla legge 219/2017. La qualità della cura non è legata solo alle necessarie competenze specialistiche ma anche a quelle relazionali. Quella capacità creare fiducia, di dare ascolto e di entrare nel mondo interno dell’altra persona di coglierne i vissuti, di comprendere il dolore, la sofferenza rispetto alla vitaLeggi altro →

Màt – Settimana della Salute Mentale – è la manifestazione promossa dal Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell’AUSL di Modena che, dal 2011, si colloca con cadenza annuale nella seconda metà di ottobre. Si tratta di una settimana di dibattiti, conferenze, eventi artistici e culturali aperti a tutta la cittadinanza, dislocati in diversee aree di Modena e provincia atti a sensibilizzare il territorio sui temi della salute mentale e ad implementare la lotta al pregiudizio e allo stigma che gravano su chi soffre di disagio psichico. L’evento si svolge sulla base di un percorso di progettazione partecipata, in collaborazione con le associazioni locali,Leggi altro →

L’associazione persegue i seguenti scopi: La diffusione della cultura della salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività, con riguardo a tutte le persone presenti sul territorio nazionale. L’attuazione dei principi istitutivi e degli obiettivi fondamentali del Ssn attraverso iniziative tese, a 40 anni dalla sua istituzione, al rinnovamento della sanità pubblica. L’incremento della conoscenza dei problemi da affrontare e delle soluzioni da adottare sulla base di solide evidenze scientifiche e delle esperienze nazionali e internazionali. vai al sito web dell’Associazione Leggi il Manifesto di Salute Diritto Fondamentale Come aderire all’Associazione la prima notizia su SOS SanitàLeggi altro →

Ieri notte Claudio è uscito di scena. Così Peppe Dell’Acqua mi comunica che Claudio Misculin è morto. Claudio Misculin. Che entrava in scena con un doppio salto mortale – volando. Claudio che ha fatto della sua complessa vita teatro, e teatro della sua vita. Uscito di scena. Epatite C. Cirrosi. Cancro. Per il libro intitolato La luce di dentro (Titivillus, 2010) ho chiesto a Misculin di scrivere la sua vita. Lo scritto – più di 40 pagine intense, bizzarre, vere, piene di svolte e poesia, intitolato Io sono tu che mi fai – comincia così: Io devo ringraziare tanta di quella gente… sì, devo proprio ringraziare molte, ma molteLeggi altro →

La manifestazione, nata per celebrare la Giornata Mondiale della Salute Mentale, alla sua quinta edizione, è dedicata al tema della delicatezza: un invito a ricordarci quanto è importante l’attenzione nei rapporti, nella comunicazione, nella comprensione dell’altro, in un’epoca in cui dilagano sentimenti di sfiducia e chiusura. L’iniziativa è promossa dalla Cooperativa sociale Itaca e dal DSM dell’Asuiud, in collaborazione con numerosi enti del territorio. Il primo appuntamento, mercoledì 9 ottobre alle 19, segna l’inizio di una rassegna di eventi mensili fino alla primavera del 2020, all’insegna dell’incontro, diversità e inclusione …LEGGI TUTTO    Leggi altro →

Buone pratiche e Servizi: promozione dei diritti umani e recovery nella salute mentale L’incontro è organizzato dal Centro collaboratore dell’OMS per la ricerca e la formazione in salute mentale ASUI Trieste con l’Organizzazione mondiale della sanità e presenterà il programma WHO QualityRights, la sua attuazione in Europa e nel mondo, nonché la nuova iniziativa dell’OMS per identificare esempi di buone pratiche basate sulla comunità servizi che rispettano i diritti e promuovono il recupero. … leggi tutto su http://www.triestementalhealth.org/Leggi altro →

Il Coordinamento Nazionale della Conferenza Salute Mentale scrive al Presidente incaricato di formare il nuovo Governo. Il Coordinamento segnala la necessità che il programma di governo affronti con chiarezza e determinazione  le sofferenze determinate dalla crisi economica e da una comunicazione politica volta alla ricerca del capro espiatorio nelle fasce più deboli dell’umanità: migranti, sofferenti psichici, detenuti. Occorre rafforzare l’azione di sostegno e inclusione, a partire dai servizi sociali e sanitari, prima indeboliti e poi accusati di inefficienza. La lunga crisi economica, che purtroppo non accenna a esaurirsi, sta producendo effetti negativi sulla salute della popolazione che si aggiungono a quelli – più noti –Leggi altro →

La lettera di convocazione della assemblea Care amiche e cari amici, come già preannunciato si conferma che la prossima Assemblea del Movimento si svolgerà a Bari lunedì 2 settembre alle ore 15,00. La sede dovrebbe essere un’aula universitaria e ve lo confermeremo al più presto. Odg: – stato dei rapporti con la Regione riguardo le nostre istanze e la nostra vertenza, associata a quella generale della Conferenza Nazionale;  – valutazione esito di eventuale incontro con funzionari regionali, che la Cgil Puglia sta provando ad  ottenere; – Sit in  sotto il Palazzo della Presidenza della giunta regionale programmato (e comunicato da tempo alla Questura) dalle oreLeggi altro →

La morte di una giovanissima paziente nel corso di un incendio nel reparto di psichiatria dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo è una tragedia terribile su cui va fatta piena luce. In primo luogo per chiarire se la paziente, una ragazza di soli 20 anni, fosse in stato di contenzione meccanica al momento dell’incendio. Si legge infatti nel comunicato diramato dall’ Ospedale di Bergamo “La paziente deceduta era stata bloccata pochi istanti prima dell’incendio a causa di un forte stato di agitazione dall’equipe del reparto”. Fermo restando che spetta alla magistratura chiarire la dinamica dei fatti, se fosse confermato che la giovane era legata al letto alLeggi altro →